Home » Extra Expo in Rete » Comunicato-stampa 2 » Rassegna stampa 18 maggio 2015

Rassegna stampa 18 maggio 2015

Lo Stivale Pensante > Articoli > Mondo

Lo Stivale Pensante > Articoli > Mondo - Agenda del Pianeta Terra

“Nutrire il pianeta senza uccidere”: da tutto il mondo appello a Ban Ki-Moon per il cibo verde

 

Sono 9 milioni le persone raggiunte dalla campagna #stopfameciboverde di Megashouts.org, con migliaia di messaggi di supporto via Twitter. La campagna è stata lanciata dall’Agenda del Pianeta Terra su Megashouts.org e diretta al Segretario generale dell’ O.N.U. Ban Ki-moon.

 

La campagna #stopfameciboverde ”Nutrire il Pianeta senza uccidere”. Il tema dell’iniziativa, a cui si può aderire al link http://goo.gl/CwkSiE,  è “Nutrire il Pianeta senza uccidere“, il che significa abbandonare la strada cruenta, antieconomica e anti-ecologica delle proteine animali per favorire cibi più naturali, più salutari e più economici come frutta, proteine vegetali, cereali, verdure.

 

#stopfameciboverde ha coinvolto tantissime persone da tutto il mondo: da Gran Bretagna e Messico, Sudafrica e Stati Uniti, Kurdistan e Germania, Francia e Venezuela, Russia e Australia, Israele e Argentina, India e Colombia, Cina e Spagna, Cile e Brasile, Giappone e Canada, associazioni, gruppi e persone singole, in particolare giovani e giovanissimi, che hanno risposto con entusiasmo e consapevolezza. Molti anche i sostenitori noti tra cui Clementino Iena, Fabrizio Rondolino, Mara Maionchi, Gianluca Impastato, Paolo Bechi, Edoardo Gandini, Wirton Arvel, Duncan Whitehead, Pilar Rahola.

 

Laura Girardello e Giovanni Peroncini, amministratori di Agenda del Pianeta Terra e promotori della campagna hanno così commentato i risultati: “La proposta di iniziare un tipo di alimentazione che senza sprechi di acqua, energia, cereali, senza sofferenze e massacri di animali, senza inquinamento del Pianeta, possa eliminare la fame e la malnutrizione nei paesi più disagiati, creando più giustizia tra i popoli, è accolta con soddisfazione e non sarà un grande sforzo per le multinazionali invertire le produzioni né per i lavoratori impegnarsi in lavori meno pesanti e più umani”.

 

Tra le migliaia, ecco alcune risposte via Twitter:

  • DrShekhar Vashishtha ‏@drsvashishtha (India): WE SUPPORT #stopfameciboverde Campaign!
  • A NOI LA PAROLA ‏@ANoiLaParola (Italia): Sosteniamo questa campagna dai contenuti di estrema importanza  per noi e per la nostra Madre Terra.
  • WENDY STEPHEN ‏@WENDYSTEPHEN1 (Gran Bretagna): I am very happy to support http://www.megashouts.org/stopfameciboverde…
  • Actions4Animals ‏@Actions4Animal (Gran Bretagna): Please add your voice … thank you
  • claire orme ‏@orme_claire (Gran Bretagna): I’m glad to help
  • Benny Tibet ‏@Caponatarossa (Italia): Grazie a voi per l’iniziativa…
  • Cliff Hagen ‏@tweethead (USA): Brilliant! I’m reading more!!
  • Indigo(LeaDDeaL) ‏@ZenParad (Francia): of nothing, great idea, have great day.
  • Barbara ⓥ Mugnai ‏@BarbaraMugnai (Italia): Grazie mille a voi e a tutti quelli che ogni giorno e ogni notte hanno un chiodo fisso: la liberazione di tutti gli schiavi!

 

Fonte: http://www.lostivalepensante.it/2015/05/18/nutrire-il-pianeta-senza-uccidere-da-tutto-il-mondo-appello-ban-ki-moon-per-il-cibo-verde/

 

Panorama.it - Scienza - Salute

Expo: appello vegan globale a Ban Ki-moon

 

Roma, 18 mag. (AdnKronos Salute) - Un appello vegan globale diretto al segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon, perché sostenga la decisione di abbandonare le proteine animali a favore di frutta, proteine vegetali, cereali e verdure. Ad aderire alla campagna #stopfameciboverde, lanciata dall'Agenda del Pianeta Terra su Megashouts.org, sono fino ad oggi 9 milioni di persone che hanno sposato il tema dell'iniziativa "Nutrire il pianeta senza uccidere", sulla falsariga dell'argomento al centro dell'Expo di Milano.

 

Le adesioni arrivano da tutto il mondo: Gran Bretagna e Messico, Sudafrica e Stati Uniti, Kurdistan e Germania, Francia e Venezuela, Russia e Australia, Israele e Argentina, India e Colombia, Cina e Spagna, Cile e Brasile, Giappone e Canada. Associazioni, gruppi e singoli cittadini, anche noti: tra le adesioni italiane 'vip' quelle del rapper italiano Clementino Iena, del giornalista e scrittore Fabrizio Rondolino, di Mara Maionchi e Gianluca Impastato.

 

"La proposta di iniziare un tipo di alimentazione che senza sprechi di acqua, energia, cereali, senza sofferenze e massacri di animali, senza inquinamento del Pianeta, possa eliminare la fame e la malnutrizione nei paesi più disagiati, creando più giustizia tra i popoli, è accolta con soddisfazione e non sarà un grande sforzo per le multinazionali invertire le produzioni né per i lavoratori impegnarsi in lavori meno pesanti e più umani£, dichiarano Laura Girardello e Giovanni Peroncini, amministratori di Agenda del Pianeta Terra e promotori della campagna.

 

Fonte: http://www.panorama.it/scienza/salute/expo-appello-vegan-globale-a-ban-ki-moon/

 

Focus.it - Scienza - Salute

Expo: appello vegan globale a Ban Ki-moon

 

9 milioni di persone chiedono di 'Nutrire il pianeta senza uccidere

 

Roma, 18 mag. (AdnKronos Salute) - Un appello vegan globale diretto al segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon, perché sostenga la decisione di abbandonare le proteine animali a favore di frutta, proteine vegetali, cereali e verdure. Ad aderire alla campagna #stopfameciboverde, lanciata dall'Agenda del Pianeta Terra su Megashouts.org, sono fino ad oggi 9 milioni di persone che hanno sposato il tema dell'iniziativa "Nutrire il pianeta senza uccidere", sulla falsariga dell'argomento al centro dell'Expo di Milano.

 

Le adesioni arrivano da tutto il mondo: Gran Bretagna e Messico, Sudafrica e Stati Uniti, Kurdistan e Germania, Francia e Venezuela, Russia e Australia, Israele e Argentina, India e Colombia, Cina e Spagna, Cile e Brasile, Giappone e Canada. Associazioni, gruppi e singoli cittadini, anche noti: tra le adesioni italiane 'vip' quelle del rapper italiano Clementino Iena, del giornalista e scrittore Fabrizio Rondolino, di Mara Maionchi e Gianluca Impastato.

 

"La proposta di iniziare un tipo di alimentazione che senza sprechi di acqua, energia, cereali, senza sofferenze e massacri di animali, senza inquinamento del Pianeta, possa eliminare la fame e la malnutrizione nei paesi più disagiati, creando più giustizia tra i popoli, è accolta con soddisfazione e non sarà un grande sforzo per le multinazionali invertire le produzioni né per i lavoratori impegnarsi in lavori meno pesanti e più umani£, dichiarano Laura Girardello e Giovanni Peroncini, amministratori di Agenda del Pianeta Terra e promotori della campagna.

 

Fonte: http://www.focus.it/scienza/salute/expo-appello-vegan-globale-a-ban-ki-moon

 

IL TEMPO.it

Expo: appello vegan globale a Ban Ki-moon

 

9 milioni di persone chiedono di 'Nutrire il pianeta senza uccidere

 

Roma, 18 mag. (AdnKronos Salute) - Un appello vegan globale diretto al segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon, perché sostenga la decisione di abbandonare le proteine animali a favore di frutta, proteine vegetali, cereali e verdure. Ad aderire alla campagna #stopfameciboverde, lanciata dall'Agenda del Pianeta Terra su Megashouts.org, sono fino ad oggi 9 milioni di persone che hanno sposato il tema dell'iniziativa "Nutrire il pianeta senza uccidere", sulla falsariga dell'argomento al centro dell'Expo di Milano.

 

Le adesioni arrivano da tutto il mondo: Gran Bretagna e Messico, Sudafrica e Stati Uniti, Kurdistan e Germania, Francia e Venezuela, Russia e Australia, Israele e Argentina, India e Colombia, Cina e Spagna, Cile e Brasile, Giappone e Canada. Associazioni, gruppi e singoli cittadini, anche noti: tra le adesioni italiane 'vip' quelle del rapper italiano Clementino Iena, del giornalista e scrittore Fabrizio Rondolino, di Mara Maionchi e Gianluca Impastato.

 

"La proposta di iniziare un tipo di alimentazione che senza sprechi di acqua, energia, cereali, senza sofferenze e massacri di animali, senza inquinamento del Pianeta, possa eliminare la fame e la malnutrizione nei paesi più disagiati, creando più giustizia tra i popoli, è accolta con soddisfazione e non sarà un grande sforzo per le multinazionali invertire le produzioni né per i lavoratori impegnarsi in lavori meno pesanti e più umani£, dichiarano Laura Girardello e Giovanni Peroncini, amministratori di Agenda del Pianeta Terra e promotori della campagna.

 

Fonte: http://www.iltempo.it/adn-kronos/2015/05/18/expo-appello-vegan-globale-a-ban-ki-moon-1.1415898?localLinksEnabled=false

 

[an error occurred while processing this directive]